MICROSOFT È PRONTA PER UN MONDO OLTRE WINDOWS

«Desideriamo avanzare concentrandoci su coloro che hanno bisogno di Windows, che scelgono Windows, che amano Windows. Questo è il nostro ambizioso obiettivo», aveva dichiarato, tre anni fa, il CEO di Microsoft Satya Nadella. A quel tempo, Microsoft stava svelando ulteriori dettagli su Windows 10 e sorprendeva gli utenti con tecnologie come l’auricolare HoloLens. Era stato un periodo entusiasmante, ricco di opportunità e di ottimismo che aveva spinto Microsoft a scommettere sulle persone così innamorate di Windows da ritenere che Windows 10 avrebbe funzionato su 1 miliardo di dispositivi entro tre anni. Nemmeno la scommessa ha funzionato: ma va bene, perché Windows, come sappiamo, non è più fondamentale per il successo futuro di Microsoft.

Microsoft ha annunciato una nuova riorganizzazione ieri. È il quarto maggiore rimaneggiamento aziendale degli ultimi cinque anni, e il più significativo dai tempi del mandato di Nadella. Microsoft sta suddividendo Windows attraverso l’azienda in diverse parti. Terry Myerson, un veterano di Microsoft con 21 anni di servizio, lascia l’azienda e il suo ruolo di capo della divisione Windows. Il cuore dello sviluppo di Windows viene trasferito al cloud e al team dell’AI, più un nuovo team si occuperà delle “esperienze” che gli utenti di Windows 10 vedono per quanto riguarda le app, il menu Start e le nuove funzionalità. C’è molto rimescolamento in corso, ma il memo di 1300 parole comunicato da Nadella lascia poco spazio ai dubbi riguardo all’effettivo futuro dell’azienda: cloud e AI (Intelligenza Artificiale).

Windows è stato declassato e suddiviso all’interno di Microsoft

Il primo grande indizio sul futuro del sistema operativo è che il “Windows and Devices Group” di Microsoft si chiama ora “Experiences & Devices” che include Windows, Office e Surface. Il capo della divisione Office di Microsoft, Rajesh Jha, è ora responsabile dell’ intera divisione, con Joe Belfiore delegato a guidare le esperienze di Windows. Myerson svolgeva il ruolo di dirigente senior presso Microsoft, ma nessuno all’interno di Windows  ha ricoperto questa funzione con quel titolo. Jha, che è anche un leader senior, sta semplicemente assumendosi maggiori responsabilità nel seguire una squadra più grande in cui Windows non è che la fetta più piccola di una torta più grande.

Experiences, al posto di Windows, rappresenta anch’esso un grande indizio sulla visione da parte di Microsoft e di Nadella per quanto riguarda il sistema operativo nel suo aspetto più ampio dell’informatica in generale. Android ha 2 miliardi di dispositivi mensilmente attivi mentre più di 1 miliardo di dispositivi Apple sono in uso in tutto il mondo. Microsoft afferma sempre che 1,5 miliardi di persone usano Windows, benché ci siano segnali che il numero potrebbe diminuire. Windows 10 è ora in esecuzione su oltre 600 milioni di dispositivi (alla data di novembre), numero che include PC, tablet, console Xbox One, cuffie HoloLens e persino dispositivi e telefoni Surface Hub. Il trend su Windows secondo i dati Microsoft evidenzia che Windows 10 era in esecuzione sul 45% di tutti i PC e tablet, alla data dello scorso novembre,

il che significa che il numero complessivo utilizzando Windows potrebbe essere scivolato a 1,33 miliardi.

Seicento milioni di utenti di Windows 10 sono ancora un numero enorme, ma è poco più della metà del target originale di Microsoft. Microsoft aveva tre anni per raggiungere l’obiettivo di 1 miliardo, ma era chiaramente basato sul successo di Windows Phone. Il produttore di software abbandonò il suo ambizioso obiettivo,dopo appena un anno, attribuendone la colpa al fallimento del suo mobile sul mercato. Non avere la declinazione mobile ha significato per Windows non dominare più il modo con cui le persone utilizzano i computer, e Microsoft ora insegue le “esperienze” su tutti i dispositivi. Anche la divisione Xbox si sta preparando per il cloud gaming e un futuro oltre la stessa Xbox .

Microsoft ha abbandonato le iniziative consumer

L’abbandono da parte di Microsoft del suo obiettivo ambizioso non è che parte del tentativo – alla fine fallito – di provare a corteggiare i consumatori per anni, e fa parte di una recente ritirata, a raggio più ampio, avvenuta nel corso dell’ultimo anno. Il gigante del software ha eliminato Groove Music , la sua piattaforma di streaming musicale, a favore di Spotify. Kinect è ufficialmente morto e Microsoft ha finalmente confermato anche la fine di Windows Phone. Microsoft ora vuole che i dispositivi iOS e Android funzionino meglio con Windows 10 e la società ha riconosciuto che non è più la piattaforma informatica maggiormente utilizzata a causa dell’aumento dei dispositivi mobili.

Windows 10 ha messo il focus sui “creatori” nell’ultimo anno, con due aggiornamenti importanti che hanno visto l’aggiunta di Mixed Reality , la creazione di Paint 3D e i miglioramenti penna / tocco. Le UWP (Universal Windows App) dovevano rappresentare il futuro di Windows su più dispositivi, ma hanno perlopiù fallito, a causa dell’assenza di un sistema operativo mobile ampiamente utilizzato su cui girare. Gli sviluppatori stanno essenzialmente provvedendo al solo  riconfezionamento delle app desktop esistenti per Microsoft Store e il futuro delle app di Windows 10 sembra legato principalmente a quello delle Web App.

Tuttavia,Windows è certamente più rispettato di quanto lo fosse tre anni fa. Windows 10 ha segnato un notevole ritorno alla forma, rispetto al rilascio della controversa versione di Windows 8. Microsoft ha ascoltato coloro che usano ancora Windows e ha adattato il sistema operativo in modo oculato. Ma mentre Microsoft è sempre stata ossessionata da Windows, in particolare con Ballmer, è chiaro che Nadella ha una diversa visione del futuro, e giustamente. Il business cloud di Microsoft è cresciuto in maniera massiccia, competendo direttamente con il predominio di Amazon e battendo Google.

Windows non è morto, ma non è più così importante.

Windows non è morto, ma chiaramente non è più così importante per Microsoft e svolgerà un ruolo molto diverso nel futuro dell’azienda. Microsoft deve seguire e fornire servizi cloud e app alle persone sulle piattaforme da loro utilizzate. La società ha riscontrato un grande successo con Office 365 e le app per dispositivi mobili, come Outlook. Microsoft prevede che due terzi dei propri utenti di Office si saranno spostati al servizio cloud tramite abbonamento, entro l’anno prossimo.

Windows viene adattato per nuovi dispositivi e scenari , ma non è più il fulcro del business di Microsoft e non lo è da anni. Nadella afferma che  “il futuro di Windows è luminoso”, ma nella stessa frase aggiunge che Microsoft  provvederà a legare” più strettamente” Windows alla sua offerta di Microsoft 365 . Microsoft 365 consente alle aziende di acquistare Office e Windows insieme, in un’unica sottoscrizione.

AI consumatori, non importa più di Windows, e ho sostenuto a lungo che Microsoft non dovrebbe insistere sul fatto di marcare tutto con esso . I consumatori non sono più interessati all’acquisto di dispositivi per la familiarità o la compatibilità di Windows, ed è difficile persino elencare 10 app desktop di cui ho davvero bisogno al quotidiano. Una grande eccezione a questo è il gioco, ma Microsoft non ha innovato abbastanza su PC da gioco per sostenere realmente questo segmento. I PC di gioco eseguono semplicemente Windows perché è la piattaforma per questi giochi e stiamo iniziando a vedere quanto i sistemi operativi mobili stiano rapidamente recuperando terreno . Grazie al web e a Chrome, è facile immaginare un futuro dove  i servizi conteranno molto più del sistema operativo su cui gira.

Ora che Microsoft ha trasferito il cuore di Windows al team del cloud, è facile immaginare il futuro a lungo termine di Windows, sotto la forma di un servizio di abbonamento cloud,che sarà destinato a coloro che hanno effettivamente necessità di usarlo, piuttosto che per coloro che lo usano perché lo amano. Bill Gates aveva capito come mettere un computer su ogni scrivania e in ogni casa, ora l’azienda è pronta a crescere e si appresta ad affrontare il futuro. E non sarà il vecchio e fidato sistema operativo Windows a condurvi Microsoft.